Da Brexit a BrexLit: immaginari politico-culturali nella Gran Bretagna di oggi

giovedì 18 ottobre alle ore 18.30 al Convitto Nazionale Maria Luigia di Parma in borgo Lalatta 14 alla conferenza tenuta dal Prof. Diego Saglia dell’Università di Parma dal titolo: 

Nella splendida cornice della cappella ottocentesca recentemente restaurata, il Professor Saglia converserà con il giornalista e saggista Tobias Jones, autore di The Dark Heart of Italy, per affrontare, con un intellettuale che vive e lavora tra Inghilterra e Italia, la realtà complessa di un regno sempre più disunito e la sua relazione conflittuale con l’Europa e l’Unione Europea, traendone spunto per compiere un percorso – tra romanzo, teatro e cinema – che andrà al cuore dei problemi culturali, sociali e politici della Gran Bretagna odierna.

Il 29 marzo 2019, data in cui è prevista l’uscita ufficiale del Regno Unito dall’Unione Europea, si avvicina, infatti, tra dissensi, timori, tensioni e polemiche. Contemporaneamente, in Gran Bretagna sta prendendo corpo una produzione letteraria, saggistica e cinematografica che affronta temi e questioni legate a questo passaggio travagliato: l’identità nazionale, insularità e apertura, i rapporti con il Continente, le divisioni interne.

Sarà questa produzione il fulcro della conversazione del noto anglista che ci farà in tal modo l’onore di aprire il ciclo di conferenze proposte dal Convitto Maria Luigia (MAPA, Maria Luigia per le Arti) durante l’anno scolastico 2018/2019.

Troverete in allegato due brevi biografie di Diego Saglia e di Tobias Jones.

Diego Saglia, attualmente direttore del DUSIC, Dipartimento di Discipline Umanistiche, Sociali e delle Imprese Culturali, dell’Università di Parma, membro della “British Association for Romantic Studies”, dell ‘Associazione Italiana di Anglistica e del Centro Interuniversitario di Studi Romantici, è specialista di letteratura inglese dell’epoca romantica e si occupa in particolare di poesia femminile, di drammaturgia tra la fine del Settecento e gli inizi dell’Ottocento, di romanzo e dramma gotico, delle tematiche del consumismo e del lusso in età romantica, di esotismo, orientalismo e nazionalismo. I suoi lavori scientifici si occupano inoltre, in prospettiva comparatistica, dei rapporti fra le culture iberiche e la cultura britannica in epoca romantica, così come della ricezione della letteratura italiana in Gran Bretagna agli inizi dell’Ottocento.

Tra le pubblicazioni: Leggere Austen (Carocci 2016), Byron e il segno plurale. Tracce del sé, percorsi di scrittura (Bononia University Press 2011), Lord Byron e le maschere della scrittura (Carocci 2009), Dante e la cultura anglosassone, con Giovanna Silvani

(Unicopli 2007), I discorsi dell’esotico. L’Oriente nel Romanticismo britannico 1780-1830 (Liguori 2002).

Dopo aver ottenuto la laurea in storia moderna all’Università di Oxford, Tobias Jones (Somerset, 1972) inizia a scrivere per la London Review of Books e l’Independent. Nel 1999 si trasferisce a Parma, dove, oltre a lavorare come freelancer per testate come il Guardian, il Financial Times e Vogue, porta a termine la stesura del libro The Dark Heart of Italy, pubblicato nel 2002 nella versione originale inglese, in cui narra eventi collegati alla storia d’Italia dal secondo dopoguerra (l’edizione italiana del libro, Il cuore oscuro dell’Italia, è del 2003).  Jones tiene per anni note rubriche di analisi politica e sociologica su Internazionale e Guardian e appare spesso in trasmissioni italiane e britanniche.

Nel 2004 conduce su Raitre “Ricchi d’Italia”, una serie d’interviste con imprenditori italiani. Nel 2005 conduce, sempre su Raitre, il programma “Cervelli d’Italia” in cui intervista quelli che ritiene gli innovatori e i geni dell’Italia contemporanea.

Traferitosi a Bristol, Tobias Jones pubblica, nel gennaio 2007, il suo secondo libro Utopian Dreams, storia di un viaggio intrapreso con la moglie Francesca Lenzi nel 2006 in diverse comunità dell’Inghilterra e dell’Italia. In seguito a questa esperienza, Jones diventa  consigliere della storica comunità di Dorset, Pilsdon, per poi fondare, assieme alla moglie, Windsor Hill Wood, un rifugio per persone in crisi dove i due vivranno assieme ai figli per 8 anni, esperienza che sarà all’origine del suo settimo libro, A Place of Refuge.

Tra il 2007 e 2012 pubblica una trilogia di gialli ambientati in Italia: The Salati Case, White Death e Death of a Show Girl, seguiti nel 2010, da Sangue Sull’Altare, frutto di una lunga indagine sulla scomparsa di Elisa Claps a Potenza e sulla fuga dell’omicida in Inghilterra (Jones si è occupato molto di vari casi di cronaca nera in Italia, scrivendo approfonditi saggi su Yara Gambirasio, Emanuela Orlandi e il Mostro di Firenze). I diritti cinematografici di tre delle sue opere sono stati acquisiti da case di produzione internazionali.

Dal 2017 è rientrato a Parma con la famiglia.

Bibliografia:

Il cuore oscuro dell’Italia, Rizzoli editore, 2003
Utopian Dreams, Faber & Faber, 2007
The Salati Case, Faber & Faber, 2008
White Death, Faber & Faber, 2011
Sangue sull’altare. Il caso Elisa Claps: storia di un efferato omicidio e e della difficile ricerca della verità, Il Saggiatore, 2012
Death of a Showgirl, Faber & Faber, 2013
A Place of Refuge, Quercus, 2015

Al termine della conferenza saremo lieti di offrirvi un aperitivo a buffet.

L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti. Non sono pertanto richieste prenotazioni o mail di conferma.