ACCESO IL CONFRONTO CONCLUSOSI IL 5 GIUGNO SCORSO

 

Ecco i vincitori del 17mo AIPO D’ARGENTO 2020 nonostante il Covid-19

Si è conclusa il 5 giugno scorso – nonostante i pesanti impedimenti che numerosi governi, in tutto il mondo, sono stati costretti a varare, da febbraio, per contrastare il dilagare della pandemia di ‘Corona Virus’ che ha flagellato i sistemi economicosociali di tutto il mondo – la 17ma edizione del Concorso Oleario Internazionale “AIPO D’ARGENTO 2020”, evento che anche per questa edizione ha avuto il
patrocinato dal Ministero italiano delle Politiche Agricole e Forestali, della Regione Veneto, oltre che dal supporto del Gruppo Editoriale de ‘L’Informatore Agrario’, della Pieralisi spa di Jesi e della Cattolica Assicurazioni spa di Verona.
Un evento che, sin dal suo nascere (2004), ha messo a confronto alcune fra le migliori produzioni olearie del bacino mediterraneo, dove, tra l’altro, si concentra ben i ¾ della produzione olearia internazionale, esaltando quella storicità e quelle professionalità che hanno contribuito a fare della produzione olearia uno dei più dinamici business d’interesse mondiale.

Lo hanno confermato, anche quest’anno, gli oltre 415 campioni pervenuti alla segreteria tecnico-gestionale dell’Aipo di Verona (Associazione organizzatrice, da sempre, della manifestazione) in rappresentanza di alcune fra le più acclamate produzioni in rappresentanza di: Grecia, Spagna, Portogallo, Turchia, Italia, Croazia, Slovenia. Adesioni che confermano, da più di 5 anni, come la competizione rappresenti oggi il confronto più autorevole, rigoroso e imparziale, riservato agli oli
di qualità.
Connotato che anche quest’anno, nonostante i condizionamenti sopportati e superati con la dovuta professionalità che ha visto l’utilizzo di oltre 7.000 bicchieri da degustazione, la compilazione circa 3.000 schede di valutazione, ha determinato una meticolosa attività di selezione che ha visto solo 144 oli superare la soglia dei 90/100 (ovvero il 34,5% sul totale dei campioni iscritti) e solo 81 (19,4%) meritare l’accesso alla finalissima che, come anticipato, si è svolta il 4 e 5 giugno scorsi.

Al termine del’attenta verifica voluta dal capo panel e dalla Commissione Tecnica della competizione, l’AIPO D’ARGENTO 2020 è stato assegnato a:
Categoria Biologico – Fruttato Leggero: Frantoio Valnogaredo sas di Barbiero Filippo & C., Cinto Euganeo (PD) con l’etichetta, EVO Biologico
Categoria Biologico – Fruttato Medio: Agraria Riva del Garda sca, Riva del Garda (TN) con l’etichetta, 46° Parallelo Bio.
Ex aequo: Az. Agr. Pietrasca di Russo Antonio, Suvereto (LI) con l’etichetta: Malizia di Tosca.

E’ questo il primo ex aequo che, nonostante la seconda e terza verifica da parte del panel, che la manifestazione registra essendosi registrato, al termine dello ‘spareggio’, sempre il medesimo giudizio e votazione per i due campioni.

Categoria Biologico – Fruttato Intenso: Az. Agr. Vincenzo Marvulli, Matera (MT), con l’etichetta: Cenzino Coratina.
Categoria DOP/IGP – Fruttato Leggero: Accadenia Olearia srl, Alghero (SS), con l’etichetta: DOP Sardegna Riserva del Produttore.
Categoria DOP/IGP – Fruttato Medio: Muela-Olives S.L., Priego De Cordoba (ES), con l’etichetta: Venta del Baron.
Categoria DOP/IGP – Fruttato Intenso: Romano Vincenzo e C. sas, Bronte (CT), con l’etichetta: DOP Monte Etna.
Categoria Monovarietale – Fruttato Leggero: Oliveti Sacco di Sofi sas, Torremaggiore (FG), con l’etichetta: Selezione 500.
Categoria Monovarietale – Fruttato Medio: Mater Olea srl Agr., Prossedi (LT), con l’etichetta: Evoolea.
Categoria Monovarietale – Fruttato Intenso: La Notte Pasquale, Trani (BT), con l’etichetta: Racemi.
Categoria Internazionale – Fruttato Leggero: Stancija St. Antonio D.O.O., Vodnjan (Istria, HR), con l’etichetta: Buža.
Categoria Internazionale – Fruttato Medio: Frantoio Hermes di Claudio di Mercurio, Penne (PE), con l’etichetta: Venus.
Categoria Internazionale – Fruttato Intenso: Almazaras De La Subbetica, Carcabuey (Cordoba, ES), con l’etichetta: Rincon De La Subbetica.
Categoria Italiano – Fruttato Leggero: Accademia Olearia srl, Alghero (SS), con l’etichetta: Gran Riserva.
Categoria Italiano – Fruttato Medio: Az. Agr. Di Martino, Trani (BT), con l’etichetta: Schinosa La Coratina.
Categoria Italiano – Fruttato Intenso: Masoni Becciu di Deidda Valentina, Villacidro (VS), con l’etichetta: Ispiritu Sardu.

E’ sempre più interessante il confronto tra i produttori di oli EVO aromatizzati. Confronto che trova la propria logica in un mercato (quello centro europeo in particolare) dove la domanda per questa tipologia di prodotto, per gli elevati livelli raggiunti, si sta facendo sempre più interessante e rivolta a prodotti di accertata qualità e genuinità.
Tutto ciò ha determinato una ragguardevole iscrizione di campioni a questa edizione dell’AIPO D’ARGENTO che, per il secondo anno, ha inserito nel proprio regolamento questa nuova categoria. Una crescita che ha messo in difficoltà il panel chiamato a valutare i campioni pervenuti anche da produttori stranieri. Al termine di una serie di valutazioni incrociate, questo il responso della Giuria nell’aggiudicazione
del Trofeo “AIPO D’ARGENTO”:

SCARICA L’ELENCO DEI VINCITORI DEL 17° CONCORSO OLEARIO
INTERNAZIONALE AIPO D’ARGENTO 2020  (CLICCA QUI )

SCARICA L’ELENCO DEI VINCITORI “GOCCE QUALITA AIPO ARGENTO”( CLICCA QUI)

Ecco la ricetta ideata da Roberta  per l’occasione: