Amaro Cardus: Calabria terra di infusi e liquori

La tradizione liquoristica calabrese vanta tradizioni antichissime, un contributo importante fu dato dai monaci provenienti dal mondo bizantino i quali crearono monasteri, conventi e abbazie  che divennero dei veri e propri laboratori. Selezionavano principalmente erbe medicinali, e per conservarle meglio effettuavano infusioni nell’alcol, da queste infusioni di alcol ed erbe nacquero tanti “elisir” che venivano proposti ai villaggi e ai viandanti come dei veri e propri medicinali, panacee per ogni male. Dall’evoluzione di questi elisir nacquero i moderni amari, che con le stesse tecniche estraggono quanto di buono vi si trovi in erbe e agrumi.

Recentemente l’Azienda Patea, azienda leader nella produzione e distribuzione di Bergamotto ha arricchito il suo già ricco panorama delle delizie calabresi presentando “l’amaro Cardus”, realizzato dall’infusione di Cardo Selvatico, Mirtillo e Bergamotto di Reggio Calabria. Liquore che viene imbottigliato direttamente nei propri stabilimenti aziendali.

L’Amaro Cardus è particolarmente apprezzato per il gusto autentico e per il forte potere digestivo.

Veniamo alle caratteristiche di questo gustosissimo  infuso, al naso prevalgono sentori agrumati, bergamotto e di cardo con leggere note di frutti rossi,  il sapore è persistente e deciso, è molto equilibrato e bilanciato, corroborante, retrogusto balsamico di menta e liquirizia. Ideale anche per insaporire dolci da forno. Da consumare molto freddo o ghiacciato.

Cardus viene ottenuto secondo i più tradizionali metodi di produzione, con 40 giorni di infusione nei tini di acciaio e post riduzione alcolica a 28%. I processi di macerazione dei tre ingredienti base attivano l’estrazione delle componenti amare, grazie alle quali il prodotto finale permette l’attività digestiva. Il colore è un classico marrone, con sfumature di sapori che rendono la degustazione un atipico viaggio nel profondo sud Italia. (ADV 28% ).

Cardo selvatico, Mirtillo e Bergamotto di Reggio Calabria

Il Cardo selvatico (Cynara cardunculus)  porta con sé leggende mitologiche e credenze religiose, una pianta selvatica, dal sapore intenso e dalle molteplici proprietà benefiche e curative. Diffuso nei territori dell’Italia centro-meridionale, in Calabria è diventata ormai una pianta tipica, con largo consumo sia delle foglie che dei piccoli fiori che produce.

Il Bergamotto di Reggio Calabria, (Citrus bergamia)  “Our family passion”, è un agrume tipico e unico del territorio Ionico Calabrese. Da sempre impegnata in ricerca, produzione e trasformazione di questo agrume, l’Azienda Patea ha voluto impregnare l’Amaro Cardus con il vero simbolo del territorio. La buccia di Bergamotto in infusione nell’alcol, riesce a imprimere il suo profumo, tra i più amati al mondo.

Il Mirtillo (Vaccinium myrtillus) pur non essendo una pianta tipica Calabrese, da qualche anno, nella parte ionica reggina sono stati creati numerosi impianti di coltivazione di questo frutto dalle innumerevoli proprietà curative. La scelta di utilizzarlo tra i componenti principali è dettata dalla volontà di sostenere le nuove produzioni locali e dalle proprietà benefiche del frutto.

L’Amaro Cardus è giovane ma ha già iniziato a far parlare di sé e a regalare trofei al suo ideatore Fabio Trunfio il quale durante la XXI edizione del BergaFest, evento organizzato dall’Accademia del Bergamotto e dal suo presidente, il professor Vittorio Caminiti si è aggiudicato il premio  per il “migliore prodotto dell’anno 2021 nel mondo del Bergamotto”

 *** *** ***

L’Azienda Patea nasce nel 2007, dopo un ventennio di esperienza nel settore ortofrutticolo, si è  specializzata nel tempo nella lavorazione e commercializzazione degli agrumi con particolare riferimento al Bergamotto di Reggio Calabria; una realtà che segue le orme di un’attività a conduzione familiare, giunta alla seconda generazione è presente sui mercati nazionali e internazionali grazie a solide qualità imprenditoriali e gestionali, ma soprattutto a un profondo amore per l’antica cultura Bergamotticola reggina.