“Settembre Gastronomico”: pasta e alici protagoniste della settimana di chiusura

Il calendario della settimana da lunedì 20 a domenica 26 settembre prevede gli showcooking degli stellati Andrea Incerti Vezzani, Bruno Cossio e Paolo Griffa, talk show sui temi della sostenibilità, a cura di Barilla e ALMA, e del foraging, in collaborazione con l’Università degli Studi di Parma, laboratori didattici per i più giovani, promossi da Madegus ed Esselunga. Tanti gli appuntamenti “Imprese Aperte”. Parma Food Valley ospiterà Vetrina Toscana, per un gemellaggio nel segno della gastronomia e della musica lirica. Chiusura affidata a un talk show in collaborazione con La Cucina Italiana.

 

Parma, 20 settembre 2021 – Entra nell’ultima settimana Settembre Gastronomico, la kermesse dedicata alla cultura del cibo promossa dal Comune di Parma, con la regia di Parma Alimentare. Da oggi a domenica 26 settembre, grandi protagoniste sono le filiere della pasta, rappresentata da Barilla, e delle alici, di cui sono portabandiera tre aziende: Delicius, Rizzoli Emanuelli e Zarotti.

Nella giornata di lunedì 20 settembre, fino alle h 17:00, su prenotazione, è possibile visitare la Biblioteca Gastronomica di Academia Barilla, il centro culinario di Barilla dedicato alla promozione della cultura gastronomica italiana, con la pasta come principale ambasciatore del gusto. Con il suo corpus di oltre 15.000 volumi, migliaia di menu storici e centinaia di antiche stampe di banchetti, la Biblioteca Gastronomica di Academia Barilla rappresenta un unicum nel suo genere nel nostro Paese.

Nel pomeriggio, alle h 17:30, nello spazio Agorà, Giancarlo Gonizzi, Coordinatore dei Musei del Cibo della Provincia di Parma, e il prof. Giovanni Ballarini, Presidente Onorario dell’Accademia Italiana della Cucina, animeranno un talk proprio sulla pasta, definita “architettura per la bocca”, per la molteplicità delle forme e dei formati in cui può essere apprezzata. Seguirà un triplice showcooking, organizzato in collaborazione con l’associazione CHIC – Charming Italian Chef. A cucinare live per il pubblico di “Settembre Gastronomico” saranno gli chef Andrea Incerti Vezzani, una stella Michelin al Ristorante “Ca’ Matilde”, a Rubbianino di Quattro Castella (RE); Enrico Bergonzi, Ristorante “Al Vedel”, a Colorno; Davide Censi, Trattoria “Antichi Sapori”, a Parma.

La giornata si chiuderà con un focus sui vini del territorio, a cura del Consorzio di Tutela Vini Colli di Parma DOP: le Cantine Cerdelli di Langhirano racconteranno la propria storia.

Per “Imprese Aperte”, progetto promosso dall’associazione “Parma, io ci sto!” e dall’Unione Parmense degli Industriali, Rizzoli Emanuelli, la più antica azienda di conserve ittiche italiana (fu fondata a Parma nel 1906 da Luigi ed Emilio Zefirino Rizzoli), si apre alle visite di curiosi e appassionati di buon cibo.

Martedì 21 settembre, alle h 18:00, Barilla aprirà virtualmente le porte del proprio archivio a foodie e curiosi: sulla pagina Facebook di Gazzetta di Parma, infatti, sarà possibile scoprire il patrimonio dell’Archivio Storico Barilla, custode di una storia di oltre 140 anni, tra manifesti, spot e oggetti. Sempre domani è in programma l’ultima serata targata “Le Signore del Gusto: un progetto curato da Parma Quality Restaurants, con l’obiettivo di valorizzare il ruolo delle donne in cucina e in sala. Alle h 19:00 è previsto lo showcooking di Jessica Di Vita, Ristorante “Parma Rotta”, che valorizzerà le alici di Parma. Anche il Bistrò sarà “colorato di rosa”, grazie alle proposte di Raffaella e Michela Olivieri, Ristorante “Da Rita”, e Gloria Boraschi, Trattoria “Antichi Sapori”. In chiusura di giornata, la cantina Oinoe di Traversetolo, in rappresentanza del Consorzio, curerà un approfondimento sulla produzione enoica della Food Valley parmense.

Mercoledì 22 settembre, alle h 18:00, è previsto un nuovo appuntamento “Parole in Pentola” a cura dell’Università degli Studi di Parma: si parlerà dell’utilizzo di erbe spontanee in cucina. Diversamente da quanto si potrebbe pensare, il foraging non è una tendenza nata ora: come spiegheranno il prof. Renato Bruni, Direttore Scientifico dell’Orto Botanico di Parma, e Licia Vignotto, coordinatrice del progetto “Interno Verde”, a Parma, già nel 1840, si consumavano erbe a tavola, come testimoniato dall’Erbario di Luigi Gardoni, in cui già si parla di “Revalenta Arabica” e altre stranezze gastronomiche. A coordinare il talk sarà la prof.ssa Irene Loddo, ALMA. Alla h 19:00, invece, una rappresentanza delle Zebre Rugby Club, capitanata dal Presidente Michele Dalai e da coach Michael Bradley, salirà sul palco dell’Agorà per un saluto alla città e per un brindisi all’avvio della nuova stagione agonistica, che partirà venerdì 24 settembre allo Stadio “Lanfranchi” di Parma, con il match contro Lions. Anche quest’anno, sulla casacca di gioco, le Zebre esibiranno il logo di Parma City of Gastronomy, facendosi ambasciatrici in Europa dell’eccellenza gastronomica parmense.

Per “Imprese Aperte” sono previste visite allo stabilimento di Parmalat a Collecchio: si tratta di uno dei nove siti produttivi, per un totale di circa 1.800 dipendenti, che Parmalat, leader nel settore del latte in Italia, possiede nel nostro Paese.

Giovedì 23 settembre il fil rouge della giornata sarà la sostenibilità in cucina, con un particolare riferimento alla pasta, uno degli alimenti più sostenibili della tradizione culinaria italiana. Forte è l’impegno di Barilla, impegnata a portare avanti una vera e propria rivoluzione green, attraverso la creazione di una filiera sempre più virtuosa. Ma il cambiamento deve essere culturale e partire anche dalla cucina: importante, in questo senso, è il ruolo giocato dalla figura dello chef, chiamato non solo a creare piatti gustosi ma anche a responsabilizzare i suoi clienti sulla scelta di cibi e ingredienti alleati di salute e ambiente. Ne discuteranno esperti come Fabio Amadei, docente di Cultura Gastronomica e Sostenibilità di ALMA; Leonardo Mirone, Direttore Acquisti Materiali di Packaging e Promozionali di Barilla; Aldo Tagliaferro, giornalista della Gazzetta di Parma. Previsto anche lo showcooking di chef Bruno Cossio, una stella Michelin al Ristorante “La Trattoria di Enrico Bartolini” presso L’Andana Resort, a Castiglione della Pescaia (Grosseto). Sarà presente anche l’illustratrice Elisa Seitzinger, uno degli undici artisti coinvolti da Barilla nell’organizzazione della mostra “Grani d’Autore”, visitabile gratuitamente presso i Camminamenti dei Trottatoi di Piazzale della Pace. Modera l’incontro la giornalista enogastronomica Chiara Marando.

Venerdì 24 settembre, alle h 17:30, Parma accoglie Vetrina Toscana, per l’appuntamento “Note di… degustazione”: prosegue lo scambio gastronomico e culturale tra Food Valley Parmense e Toscana, dopo l’intervento targato Parma City of Gastronomy al Festival “La Versiliana”. Interverrà Francesco Tapinassi, Direttore di Toscana Promozione Turistica. Previsto un omaggio musicale a Giacomo Puccini, noto anche per le qualità di gourmet. La giornata di venerdì prevede anche tante possibilità di visita legate al progetto “Imprese Aperte”: ad accogliere foodie e visitatori saranno Agugiaro & Figna, gruppo italiano leader per la macinazione del grano tenero; Consorzio Agrario Parma, che dal 1893 si occupa di assistenza e consulenza tecnica agli agricoltori, di ricerca, sperimentazione e divulgazione, di valorizzazione delle produzioni agricole; Monte delle Vigne, con i suoi 40 ettari di vigneti nel cuore della zona DOC Colli di Parma e una produzione che, dal 2020, è interamente a regime biologico; e Salumificio Trascinelli Pietro, che dal 1977 si dedica alla stagionatura del Prosciutto di Parma e di salumi vari.

Il weekend di sabato 25 e domenica 26 settembre prevede un ricco calendario di laboratori didattici per bambini, curati da Madegus – Maestri del Gusto ed Esselunga. L’offerta formativa varia in funzione della fascia di età: nel caso dei piccoli tra i 5 e i 7 anni di età, si parlerà di super food, frutta e verdura (sabato e domenica, h 10:00-11:00 e 16:00-17:00). La piramide alimentare, fondamento della dieta mediterranea, sarà il focus point degli appuntamenti pensati per i bambini di età compresa tra gli 8 e gli 11 anni (sabato e domenica, h 11:30-12:30 e 17:30-18:30). I laboratori sono gratuiti, aperti a 20 partecipanti. È richiesta la prenotazione via WhatsApp al numero 348.9176149.

Il programma di sabato 25 settembre è completato dallo showcooking di chef Paolo Griffa, piemontese di Carmagnola, che, con i suoi trent’anni, rappresenta uno dei giovani più talentuosi e promettenti nel panorama della cucina d’autore italiana. Lo testimoniano le partecipazioni come finalista a concorsi internazionali di grande importanza, come il Bocuse d’Or e S. Pellegrino Young Chef. Cresciuto professionalmente tra il Lago di Mergozzo, Rivoli, Parigi e Copenhagen, grande viaggiatore (con l’Asia come passione) ha avuto come mentori chef stellati come Marco Sacco e Davide Scabin. Arrivato al Grand Hotel Royal e Golf di Courmayeur nel 2017, ha saputo conquistare la stella Michelin nel 2019.

Domenica 26 settembre, la chiusura di “Settembre Gastronomico” prevede un talk show in collaborazione con La Cucina Italiana, alla presenza della Direttrice Maddalena Fossati. Prevista anche la proiezione del Webinar “Il Futuro che ci Aspetta”, con Parma Food Valley che sarà rappresentata da Cristiano Casa, Assessore al Turismo del Comune di Parma, e da Anna Maria Meo, Direttore Generale del Teatro Regio di Parma.

Per “Imprese Aperte”, sia sabato 25 che domenica 26 sono previste visite al Museo Agorà Corsi Coppini, alla scoperta dei segreti dell’olio extravergine d’oliva.

Info e programma su: www.parmacityofgastronomy.it