Tenuta Mazzolino tra i protagonisti di “Oltrepo’ pavese terra di Pinot Nero” un territorio, un vitigno due eccellenze

La realtà di Corvino San Quirico presenta i suoi tre Pinot Nero – il Noir 2017, il Terrazze 2020 e il Cruasè 2013 – all’evento organizzato direttamente dai produttori per valorizzare il territorio e il suo vitigno più rappresentativo

Tenuta Mazzolino è una piccola realtà gioiello dell’Oltrepò, dolcemente adagiata sulle colline del pavese, in un lembo di terra a ridosso dell’appenino. Venti ettari vitati in una terra fatta di sapori e tradizioni tutti da scoprire, nel borgo antico di Corvino San Quirico. Qui si intraprendono percorsi inediti che fanno del biologico e della sostenibilità una scelta di vita – in vigna e in cantina -, qui si valorizza il territorio, rispettandolo ed esaltandone le peculiarità, traendo anche ispirazione dalla Borgogna. Qui si fa gioco di squadra. “E proprio da queste considerazioni che prende vita l’evento Oltrepò terra di Pinot Nero – Un territorio, un vitigno, due eccellenze”, spiega Francesca Seralvo, terza generazione alla guida della cantina dal 2015, quando lascia l’avvocatura e realizza il sogno “di essere una vignaiola tout court. “Volevamo dare vita a un evento organizzato da chi il vino lo fa, noi produttori con l’obietto di celebrare la doppia anima del Pinot Nero dell’Oltrepò Pavese: vinificato come metodo classico e in rosso”.

 Tenuta Mazzolino è tra le 20 aziende protagoniste del percorso sensoriale alla scoperta di queste due eccellenze enoiche: due masterclass – guidate da Alessandra Piubello e Filippo Bartolotta – pensate dai produttori e dedicate ai giornalisti e agli operatori enologici, un walk around tasting nell’arco dell’intera giornata per degustare le proposte delle aziende.

In questo contesto sarà possibile degustare il NOIR di Tenuta Mazzolino, un Pinot Nero di razza, dal colore rosso rubino con leggeri riflessi aranciati. Al naso si apre con eleganti aromi di piccoli frutti rossi, rosa canina e cuoio. Al palato risulta pieno e ricco, con un finale gradevolmente lungo e persistente. Un vino superlativo, oggi simbolo della cultura e della tradizione vinicola dell’Oltrepò Pavese. Disponibile per l’assaggio anche il Terrazze, annata 2020, un Pinot Nero giovane, dal colore rosso rubino, fresco e autentico.

Per chi preferisce le bollicine, ecco l’eleganza del rosa antico: Cruasè 2013, sempre un Pinot Nero, ma vinificato in rosa – la cui denominazione nasce dalla crasi di Cru e Rosè. Una piccola chicca spumantistica con struttura e profumi invidiabili, che racconta un mix elegante tra la forza delle uve rosse e la piacevole freschezza dei bianchi. Al naso si rivela intenso e complesso: un bouquet ampio con profumi di piccola frutta – mora, ribes e il lampone -. Al palato morbido, piacevole, delicato e molto equilibrato, deciso e rigoroso. Il gusto è la materializzazione delle sensazioni olfattive.

L’appuntamento è il 27 settembre nell’Antica Tenuta Pegazzera a Casteggio. Una location prestigiosa, che apre le sue porte per far scoprire la bellezza delle colline dell’Oltrepò e delle sue specialità gastronomiche.